Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Pazienti con sinusite fungina invasiva trattati con successo con Isavuconazolo


I pazienti trattati con Isavuconazolo ( Cresemba ) come terapia primaria o di salvataggio per la sinusite fungina invasiva hanno registrato tassi di sopravvivenza globale dell'82% a 42 giorni e del 70% a 84 giorni.
I risultati provengono da una analisi post-hoc di due studi di fase 3 su Isavuconazolo, che hanno identificato 50 pazienti affetti da sinusite fungina invasiva.

E' stata effettuata una analisi post-hoc degli studi internazionali di fase 3 SECURE e VITAL che hanno arruolato pazienti dal 2007 al 2013 ( SECURE ) e dal 2008 al 2013 ( VITAL ).
SECURE aveva confrontato Isavuconazolo e Voriconazolo come trattamento primario per la malattia fungina invasiva negli adulti dovuta ad Aspergillus e ad altri funghi filamentosi, mentre VITAL aveva valutato il trattamento primario o di salvataggio con Isavuconazolo negli adulti con aspergillosi invasiva con insufficienza renale o adulti con malattia fungina invasiva a causa di muffe rare.

Sono stati esaminati i dati di tutti i pazienti in entrambi gli studi trattati con Isavuconazolo e con almeno un sito sinusale di malattia fungina invasiva.
I principali risultati dello studio erano la sopravvivenza globale e la risposta clinica e globale all'Isavuconazolo.

Dei 50 pazienti inclusi nello studio, 44 avevano sinusite fungina invasiva diagnosticata mediante biopsia sinusale ( 43 ) o cerebrale ( 1 ) e 6 avevano probabile malattia fungina invasiva in un sito remoto ma soddisfacevano i criteri per probabile sinusite fungina invasiva.
Il 34% dei pazienti ha ricevuto Isavuconazolo come terapia di salvataggio, il 34% aveva malattia fungina invasiva disseminata e il 90% era immunocompromesso o aveva il diabete.
I mucormiceti erano i patogeni associati a 17 pazienti, mentre altri 4 avevano mucormiceti misti più infezioni da Aspergillus.

Il gruppo terapia primaria composto da 33 pazienti ha ricevuto Isavuconazolo per una mediana di 78 giorni e 24 l'hanno ricevuto per un mese o più, mentre il gruppo terapia di salvataggio di 17 pazienti ha ricevuto Isavuconazolo per una mediana di 141 giorni e 12 l'hanno ricevuto per 1 mese o più.

La sopravvivenza globale era dell'82% al giorno 42 e del 70% al giorno 84.
Dei 15 decessi entro il giorno 84, 11 sono stati attribuiti dal Comitato di revisione dei dati a malattia fungina invasiva, 1 è morto con malattia fungina invasiva residua o in corso, in 2 è stata ipotizzata la malattia e per 1 non c'era correlazione.

I tassi di sopravvivenza al giorno 84 sono risultati più alti nei gruppi di terapia primaria rispetto a quelli con terapia di salvataggio, più alti tra gli uomini rispetto alle donne, più alti tra i pazienti immunocompetenti rispetto ai pazienti immunocompromessi, più alti in quelli senza coinvolgimento del sistema nervoso centrale, più alti tra quelli con solo diabete rispetto a neoplasie ematologiche, più alti tra i pazienti con malattia fungina invasiva localizzata rispetto a quella disseminata e superiore tra quelli con infezioni da Aspergillus rispetto a mucormiceti.

Dallo studio è emerso che un certo numero di pazienti con sinusite fungina invasiva hanno risposto al trattamento con Isavuconazolo, compresi alcuni pazienti con infezioni refrattarie ad altre terapie antimicotiche. ( Xagena2021 )

Fonte: Clinical Infectious Diseases, 2021

Inf2021 Farma2021


Indietro